Si parte dalla Cattedrale di Rieti uscendo dal suo centro storico medievale. Il percorso inizia in piano su asfalto e sale gradualmente su strada sterrata bianca. Presso il Santuario di Fonte Colombo, è consigliato fermarsi qui per godere della pace e della spiritualità del luogo. Qui si conserva il disegno di un Tau, che potrebbe essere stato realizzato dallo stesso San Francesco d’Assisi, il quale amava profondamente questo simbolo.

Inzia un percorso in salita fino al Colle Sant'Elia, unica asperità prevista dal cammino. Proseguendo, la strada attraversa le colline con un percorso caratterizzato da un leggero saliscendi, in larga parte ombreggiato da grandi roverelle, che conduce fino a Contigliano. Ad accogliere il pellegrino è il vecchio borgo di Contigliano Alto che sovrasta l’abitato di più recente costruzione.
ll cammino prosegue nei boschi e in salita alternando tratti su carrareccia a tratti su asfalto fino a che emerge la mole maestosa dell'Abbazia di San Pastore.
Lasciando alle spalle la valle si cammina verso il Santuario Francescano di Greccio, inserito sul costone roccioso della montagna. Il Santuario è noto in tutto il mondo per essere stato scelto dal Poverello di Assisi come teatro della prima rievocazione della Natività di Betlemme della storia del Cristianesimo, avvenuta nella notte di Natale del 1223.

Lunghezza: 23,4 km - Difficoltà: media - Dislivello: +470 -390 - Tempo: 7,5 ore

Percorso stampabile